bto 2105 firenze

La mia prima volta al BTO

Sono appena tornata dal BTO 2015 di Firenze e vi racconto perché è un evento da non perdere se sei nel settore turistico.

L’8a edizione di BTO – Buy Tourism Online che si è svolta a Firenze il 2 e 3 dicembre 2015, ha raccontato con più di 150 eventi tra interviste, workshop e presentazioni scientifiche il presente e il futuro del travel.

La location in cui si è svolto l’evento è la Fortezza da Basso di Firenze, un luogo molto adatto ad accogliere chi si occupa di turismo, permette di avere spazi sia per gli incontri con gli esperti del settore, sia per i colossi del travel online come Google,  Facebook, TripAdvisor e Airbnb che riempiono le sale, sia per gli espositori che accolgono i visitatori presentando le novità del settore.

Sono tornata a casa con tanti concetti da sviluppare e qualche idea in più sul futuro del settore, ecco qualche spunto:

1) Mobile e social sono sempre più dominanti – mobile experience

 

«La rivoluzione causata dal mobile è chiara, oggi il 60% delle richieste in campo travel arriva da mobile, la sfida sarà intercettare il cliente in ognuno dei micro-momenti in cui prende le decisioni, saper essere veloci e utili per rispondere a ogni richiesta», Fabio Galetto responsabile Google Italia settore viaggi.

“Lo smartphone è il primo strumento per il tempo speso su internet in Italia” Andrea Lai Facebook Italia.

E’ importante quindi che chi vuole incrementare il proprio pubblico e la propria clientela sviluppi nuovi progetti mobile-first per garantire agli utenti un’esperienza gratificante che influenza la loro scelta.

BTO_relax

2) Funziona il marketing personalizzato perché mette le esigenze e le preferenze delle persone al centro.

3) Monitorare la propria reputazione digitale è fondamentale non solo per le strutture turistiche ma per tutti gli operatori che si occupano di travel, di territorio e di cultura, la metodologia di Travel Appeal.com aiuta a farlo al meglio.

Jpeg

4) Customer Care si può fare anche con un email marketing che non riempie di messaggi ma che manda informazioni utili per la persona che legge, per dirlo con una nuova espressione di Alessandra Farabegoli: automatizzare la gentilezza.

Jpeg

Poter partecipare ai tanti incontri del BTO e conoscere direttamente le persone che seguo online è stata davvero una bella esperienza, una motivazione in più per far crescere i miei progetti dedicati al turismo delle famiglie e agli operatori che lavorano con tanta passione in questo campo pensando prima di tutto ad essere utile e attenta alle necessità delle persone.

Tag: